Dr. Marco Brunoldi

Marco Brunoldi

Tel: 010 353 6270

e-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Posizione: Tecnico CAT. D – Dipartimento di Fisica – Università di Genova

Principali occupazioni: attività tecnico-scientifica ed elaborazione dati nei laboratori didattici e nei gruppi di ricerca del Dipartimento di Fisica.

2002 Laurea in Fisica conseguita presso il Dipartimento di Fisica - Università di Genova. Tesi sperimentale in fisica delle interazioni fondamentali dal titolo “Misura della fotoproduzione del mesone vettore Omega a CEBAF”

2002 Assunzione con contratto TD come unità tecnico-scientifica ed elaborazione dati presso il Dipartimento di Fisica

2006 Assunzione con contratto TI come unità tecnico-scientifica ed elaborazione dati presso il Dipartimento di Fisica

2014 Dottorato in Fisica conseguito presso il Dipartimento di Fisica - Università di Genova. Tesi sperimentale di acustica sottomarina dal titolo “Systems for Coastal Dolphin Conservation in the Ligurian Sea”

Le mie competenze si focalizzano principalmente su problematiche di misura di grandezze fisiche mediante sensori, acquisizione dati e controllo tramite interfaccia analogico-digitale, condizionamento del segnale ed analisi dati.

Negli anni della tesi di laurea e nei tre anni successivi (2002-2005) ho lavorato principalmente nell’ambito della fisica delle interazioni fondamentali e mi sono occupato di simulazione di processi di interazione delle particelle e analisi dei dati acquisiti presso l’acceleratore CEBAF, situato presso il Jefferson Lab (Newport News, VA, USA).

Nel quinquennio 2005 -2010 ho lavorato nell’ambito dell’astrofisica al progetto NEMO-KM3NeT il cui obiettivo è la progettazione, assemblaggio e deposizione di un telescopio sottomarino di grande volume per la rivelazione di neutrini extra-galattici di altissima energia. In particolare mi sono occupato dello sviluppo, assemblaggio e test di un prototipo di rivelatore ottico direzionale ad alta efficienza luminosa, componente sensibile del telescopio sottomarino.

Nel periodo 2010-2019 ho lavorato a due progetti EU LIFE+ denominati ARION e WHALESAFE nell’ambito dell’acustica sottomarina. L’obiettivo finale di entrambi i progetti è stato l’implementazione di sistemi passivi di tracciamento acustico sottomarino di cetacei e imbarcazioni al largo della costa Ligure volti alla prevenzione di collisioni fra i cetacei e le imbarcazioni presenti nella zona, tramite l’emissione di messaggi di allerta in tempo reale. Nell’ambito di questi progetti mi sono occupato sia della parte tecnica (progettazione, realizzazione e calibrazione delle unità di tracciamento acustico ed elaborazione dati), che della parte gestionale (bandi di gara per acquisto strumentazione).

Dalla primavera del 2018 collaboro con il Laboratorio di Fisica Ambientale del Dipartimento di Fisica nell’ambito del progetto EUROCHAMP 2020. In particolare, mi  occupo dell’ottimizzazione dei sistemi di acquisizione dei parametri fisici della camera atmosferica (ChAMBRe) e del sistema ottico (MWAA).